Immagine reperita in rete - http://www.giardinaggio.it/giardino/annuali/annualisingole/Viola/Viola.asp

A piedi scalzi –
Luce primaverile
nel mio giardino.
 
Persa in pensieri, scorgo
strana macchia nell’erba.
 
 
Giallo nel mezzo.
Striature scure intorno.
Contorno viola.
 
Son viole del pensiero.
Accanto a loro mi sdraio.
 
 
Ad occhi chiusi.
Sento il profumo
di rinascita.
 
Sento il pensiero, viola.
Macchia di primavera.

Tentar non nuoce…

CASCINA MACONDO

 
BANDISCE
6° EDIZIONE – CONCORSO INTERNAZIONALE DI POESIA HAIKU IN LINGUA ITALIANA
(SCADENZA PROROGATA AL 31 MAGGIO 2008)
 
possono partecipare: autori di ogni nazionalità e di ogni età
partecipazione: GRATUITA
sezioni: individuale: autori singoli  – collettiva: scuole e area handicap
quantità: massimo tre haiku classici INEDITI (5-7-5 sillabe) in lingua italiana.
invio: solo attraverso la compilazione del modulo on line www.cascinamacondo.com  (previa registrazione)
scadenza: 31 MAGGIO 2008
premiazione: domenica 23 NOVEMBRE 2008 a Cascina Macondo – cerimonia ufficiale
premi: 114 haiku classificati (57 sezione singola +  57 sezione collettiva) pubblicati in volume
 
1°- 2°- 3° premio sezione singola: preziosa ciotola Raku, attestato, libro degli haiku
al PRIMO PREMIO anche un soggiorno di una settimana per 2 persone alle CINQUE TERRE ospiti in un villino del Villaggio La Francesca
1°- 2°- 3° premio sezione collettiva: targa in ceramica Raku alla Scuola- attestato e libro degli haiku all’alunno-libro all’insegnante
ai primi DIECI CLASSIFICATI di ciascuna sessione attestato di merito
 
nota 1: tutti gli haiku pervenuti sono visibili sul sito di cascina macondo
nota 2: il pubblico può votare gli haiku messi on line

(Il voto del pubblico è utile parametro di riferimento per dirimere i casi che hanno ottenuto parità di voto dalla giuria)

 

sul sito di Cascina Macondo www.cascinamacondo.com

il bando integrale tradotto in 14 lingue (grazie per averlo stampato e appeso in qualche luogo)

 

giuria

Alessandra Gallo (scrittricepoetessa-insegnante)

Annette Seimer (traduttrice)

Antonella Filippi (scrittricepoetessaHaijin)

Danilo Manera (scrittoredocente universitario)

Domenico Benedetto (fotografo)

Fabia Binci ( scrittrice-Haijin-insegnante)

Fabrizio Virgili (Haijin-insegnante)

Giorgio Gazzolo (Haijin)

Michele Bertolotto (web master-Haijin)

Nico Orengo (giornalista-scrittore)

Pietro Tartamella (scrittore-poeta-Haijin-insegnante)

 

sponsor

Patrocino Fondazione Italia-Giappone: http://www.italiagiappone.it

Patrocinio Comune di Riva Presso Chieri: http://www.comune.rivapressochieri.to.it

Liceo Europeo Convitto Nazionale Umberto I: http://www.cnuto.it/CNUTO/CNUTO/SitoPubblico/Sezioni/11

Villaggio La Francesca: http://www.villaggilafrancesca.it

DeArt: http://www.deart.org 

Cogest M&C-Business & Travel: http://www.cogest.info

Gruppo Piotto

Edoardo Burlini

Gruppo Haijin di Arenzano

 

Renga in attesa del film

Immagine reperita in rete - http://piemme3.bluestudio.it/static/cacciatore_aquiloni/

Senso di colpa.
Cacciator d’aquiloni
vola oltre oceano.
 
Ritorno a Kabul –
Aquiloni fantasma.
Pulsa il passato.
 
Terra violenta –
visi e beltà celati.
Cuore in frantumi.
 
"Sono diventato la persona che sono oggi all’età di dodici anni, in una gelida giornata invernale del 1975. Ricordo il momento preciso: ero accovacciato dietro un muro di argilla mezzo diroccato e sbirciavo di nascosto nel vicolo lungo il torrente ghiacciato. È stato tanto tempo fa. Ma non è vero, come dicono molti, che si può seppellire il passato. Il passato si aggrappa con i suoi artigli al presente. Sono ventisei anni che sbircio di nascosto in quel vicolo deserto. Oggi me ne rendo conto. "
Il cacciatore di aquiloni è il primo romanzo dello scrittore americano di origine afgana Khaled Hosseini, pubblicato in Italia dalle Edizioni Piemme nel 2004.
Nel 2007 è stato realizzato un’omonimo adattamento cinematografico, diretto da Marc Forster e sceneggiato da David Benioff per la Dreamworks.
Uscirà il 28 marzo 2008.
Immagine reperita in rete - http://crisal1de.wordpress.com/2007/12/14/i-crociati-e-i-cacciatori-di-aquiloni/

Il ritratto di Dorian Gray

Orrendo è il patto

specchio riflette bugie

bellezza incanta

 

mutevole è quel  tempo

che scorre come fiume

 

Rughe su tela

corrotta è la sua anima

volto d’incanto

 

la giovinezza vince

sulla tiranna morte

 

Eppur la storia

del giovane Dorian Gray

ha triste fine

 

reciso il simulacro

il pugnale nella mano

 

“Avete un volto meraviglioso, signor Gray, non accigliatevi, lo avete. E la bellezza è un aspetto del genio, è più alta, anzi, del genio, perché non richiede spiegazioni. E’ una delle grandi cose del mondo, come la luce del sole, o come la primavera, o il riflesso nell’acqua cupa di quella conchiglia d’argento che chiamano luna"