Aurora

 

Nastri di seta

adornano le chiome

mosse  dal vento

 

Corrono attimi

e riflessi solari

toccano il volto

 

di fronte al sole

rapido fugge il vento

eterno fluire.

 

Doma l’Aurora

il suo fulgido carro,

sciolte le briglie.

 

Dardi di luce

dona al genere umano

con rosee dita.

 

Meste lacrime

concesse alla tenue alba

quale rugiada.

 

Primo il saluto

alla sorella Luna:

è un nuovo giorno.

~ EufemiaG&Tetractys ~

Annunci

Oscuramente
libri, stampe, chiavi
han la mia sorte

 

Su legno  incise

parole sigillate

doppia mandata

 

Polvere scende

ragnatele intrecciate

nascoste nel buio

 

Il verso in grassetto è di Luis Borges tratto da "I 17 haiku"