Ripensandoci
da un pò non vedo un bento:
voglia di sushi

Sushi box

Annunci

Foto del cenone di Capodanno

Meglio tardi che mai, vi posto qualche foto del mio Capodanno dal gusto orientale.

Il locale di Roma si chiama Hamasei ed è tra i più rinomati, forse il primo ristorante giapponese della capitale, sia come qualità che come storia. Appena entrati, l’atmosfera colpisce per la sua semplicità e per la cortesia del personale. Rigorosamente in kimono, le donne indossano l’obi in base al loro stato civile e alla loro età.

Iniziamo il cenone con Zensai, antipasti freddi simili agli osechi della tradizione, pietanze preparate in anticipo poirché dovrebbero bastare per almeno i 3 giorni seguenti il Capodanno, anche se dubito che sia avanzato qualcosa quella sera, vista la calca.

A seguire, Wanmono, una zuppa di miso con zucchine, spaghetti di riso (toshikoshi soba) e un pane speciale, come nella foto che purtroppo è sfocata.

Ho gustato una tempura di verdure miste e mazzancolle dal sapore inimitabile (Aghemono):

Un sushi composto da nighiri e makimono, seguito da manzo marinato nel miso alla griglia con verdure incredibilmente tenero (Yakimono)… C’era anche il sashimi, ma l’ho divorato prima di poter scattare la foto, ehehe!

Non potevano mancare la birra Asahi e la salsa di soia con wasabi e ginger per esaltare degnamente i sapori…

Come dessert uno squisito tiramisù al té verde, accompagnato da sake caldo:

E per finire, vi mostro uno scorcio del locale, debitamente addobbato con un enorme kadomatsu con rami di pino e bamboo, com’è nella tradizione nipponica:

Sayounara!

Cielo di fuoco

Sukiyaki* ai fornelli

rami assopiti

 

La notte fa paura

quando l’agape è vuota

*E’ un piatto della cucina giapponese nello stile nabemono ("alla pentola"). Consiste di sottili fettine di manzo, tofu, ito konnyaku (una specie di spaghetti), negi (cipolletta), cavolo cinese, funghi enoki ed altri ingredienti. Generalmente viene preparato nei giorni più freddi dell’anno ed è un piatto comune per le feste di capodanno. Per approfondimenti, vi rimando a questo link.