Racconto in prestito

Funghi

[di zop]

– Si può sapere dove eri finita? Ero in pensiero, non dovevi stare via solo cinque minuti?
– Perdonami, non è colpa mia…
– Che è quella faccia? Cosa ti è successo?
– Son finita al pronto soccorso!
– Al pronto soccorso?! Come mai? E come stai?
– Sono confusa, mi ha morso un coccodrillo.
– Ti ha morso un coccodrillo??? Non ci sono coccodrilli qui.
– Un coccodrillo che è scappato dalla gabbia di un baraccone del circo. Era nascosto tra i cespugli di un’aiuola, non l’ho visto e mi ha morso un polpaccio. Ma non è nulla, mi ha presa di striscio.
– Per fortuna… Ma che hai fatto alla testa?
– Mi son fatta male nell’incidente…
– Quale incidente?
– Dopo il coccodrillo, hanno chiamato l’ambulanza. Andavano in sirena, sono passati col rosso… siam finiti contro un’auto e ho sbattuto la testa.
– Non piangere. Fammi vedere!
– Non piango per la testa. Piango per quello che ho scoperto in ospedale…
– Cosa hai scoperto all’ospedale?
– In ospedale c’era Humoto che mi ha detto di Huan…
– Che c’entra Huan?
– E’ morto.
– Come? E’ morto Huan? Ma se l’ho visto proprio ieri?
– Stamane, ha cercato di salvare Gon che era caduto in piscina… sono annegati tutti e due.
– E’ morto Huan e anche Gon?
– Sì. E anche Humoto… Era lui che guidava l’auto con cui abbiamo sbattuto, per quello era in ospedale. Pensa che stava venendo da noi per avvisarci della disgrazia di Gon e di Huan… quelle che mi ha detto sono state le sue ultime parole. Sono sconvolta! E ho come il presentimento che questa giornataccia non sia ancora finita…
– Esci di casa e vieni morsa da un coccodrillo scappato dal circo e hai un incidente mentre ti portano in ospedale, dove Humoto prima di morire ti dice che Huan e Gon sono annegati. Che cosa altro vuoi che possa succed…

Hiroshima, 6 agosto 1945, ore 8,15

Questo racconto è stato gentilmente concesso dallo scrittore e amico blogger zop che ringrazio di cuore!

Annunci